Il gioco virtuale ha lo scopo di immergere il giocatore nell'ambiente e nella sensazione di gioco. Ciò significa che non appena si mette l'auricolare Oculus Rift, si esce dalla propria camera e entra in un altro mondo. Questo vale sia per l’aspetto visivo che per quello sonoro, in quanto il sistema viene fornito con cuffie in 3D che possono essere facilmente sostituite, se necessario. Questo succedeva con progetti precedenti che avevano prezzi alti e causavano scarsa partecipazione, mal d’auto o altre difficoltà tecniche come la bassa frequenza di aggiornamento. Con Oculus Rift, non è successo più. Il lato tecnico è stato completato quasi alla perfezione, e sono stati rimossi tutti i difetti di base. In effetti, la ricerca e sviluppo nel settore sono stati così rapidi che la società dietro Oculus Rift ha recentemente annunciato che stanno già progettando il prossimo dispositivo e pensano di poterlo rilasciare nel giro di pochi anni. Si tratta di un miglioramento importante se si considera che siamo stati in attesa per un dispositivo come il Rift per 20 anni. Il problema principale del gioco virtuale in questo momento è il fatto che non ci sono quasi giochi che sfruttano le possibilità che la tecnologia ha creato. Infatti, il dispositivo ha preso il mondo di sorpresa, soprattutto considerando per quanto poco tempo è stato in fase di sviluppo. I produttori di giochi stanno comunque recuperando terreno, e vedremo la maggior parte delle piattaforme principali rilasciare presto i loro giochi. La differenza principale è ovviamente la sensazione di guardare il mondo virtuale attraverso il campo visivo a pochi centimetri dagli occhi, invece che da uno schermo televisivo o un monitor. Questo crea una vera e propria sensazione di immersione, che si capirà appieno solo una volta usciti dal mondo virtuale e tornati alla realtà vera. Questo tipo di possibilità non è ancora pienamente compreso, conosciuto e ancor meno esplorati. Per ora, “gioco virtuale” rimane una parola d'ordine in attesa di raggiungere il suo pieno potenziale sia per gli sviluppatori che per i giocatori.

giochi virtuali